Dark Light

Finalmente sei pronto e hai deciso anche tu di sperimentare la pubblicità sui social, ma a differenza dei supporti tradizionali dove ti veniva imposta una cifra, qua sei tu che devi definire il budget. Ecco che ti trovi subito davanti al primo scoglio, ovvero: “quanto investo?”

Ebbene sì questo è un interrogativo molto comune e comprensibile, considerando che non per tutti questo è un argomento facile da masticare. Dare una risposta non è affatto semplice, il corretto budget da investire dipende infatti da molti fattori che devono essere considerati: settore di riferimento e obiettivi su tutti. È per questo fondamentale prendersi il giusto tempo per analizzare tutti gli aspetti cruciali e gli step necessari.

Con questo articolo vogliamo darti un canovaccio da seguire tutte le volte in cui ti troverai a dover definire il budget da investire nelle tue operazioni marketing. Vedrai che si rivelerà utile non solo se hai intenzione di attivare una campagna promozionale online, ma per qualsiasi tipo di investimento.

I 5 step fondamentali per definire il budget nel modo corretto

Dobbiamo partire con il concetto base fondamentale: prima di poter iniziare a pensare a quanto poter investire sui social – o ovunque vuoi tu – è necessario che tu conosca a menadito la tua azienda e il tuo target di riferimento.

“Conosci bene il tuo brand?”

Fidati, è un aspetto che viene spesso molto sottovalutato, ma in realtà ti consente di semplificarti la vita! È praticamente impossibile infatti ottenere buoni risultati se prima non hai capito chi sei, cosa vuoi e come vuoi che arrivi agli altri.

Appurata questa premessa, scopriamo insieme uno schema utile per riuscire a definire il corretto budget da impegnare.

insegna luminosa "do something great". Seguire questo schema ti aiuterà a definire il budget da investire e a raggiungere il tuo obiettivo.

1. Definisci un obiettivo preciso.

Ti sembrerà assurdo, ma il primo step da intraprendere per fissare una cifra concreta da investire consiste proprio nel prefissare un obiettivo, meglio ancora se SMART.  

E ricorda che SMART non è solo una macchina, ma è prima di tutto l’acronimo Specific Measurable Attainable Relevant Timely. In parole povere significa che il nostro obiettivo deve avere delle caratteristiche fondamentali e in particolare essere: Specifico (ben definito), Misurabile (deve basarsi su metriche e dati), Ottenibile (definendo quindi gli strumenti per raggiungerlo), Rilevante (che vale la pena raggiungere), Limitato temporalmente (con una data di scadenza).

Social parlando si possono distinguere principalmente quattro fasi e di conseguenza obiettivi da perseguire: notorietà, considerazione, conversione, mantenimento. Analizza bene il momento in cui si trova la tua azienda. Sei una start-up? Allora ad esempio è il caso che tu consideri l’obiettivo di notorietà per fare il tuo ingresso nel mercato.

2. Seleziona i giusti canali.

La chiave di successo per selezionare i canali giusti è avere chiaro a chi vuoi rivolgerti, in termini tecnici è il momento di identificare il tuo buyer persona. Questo è senza ombra di dubbio il punto cruciale che ti consentirà di raggiungere il tuo obiettivo e soprattutto di ottimizzare il tuo budget.

I social network sono in continua espansione, ogni giorno ne nasce uno nuovo, anche se lo scettro per il momento lo detiene sempre lui: Facebook. Che sorpresa eh! Secondo questo studio di Statista.com la piattaforma statunitense, con oltre 2.7 miliardi di utenti, è al primo posto tra i social con più utenti attivi nel 2020 nel mondo.

Attenzione però, non è detto che Facebook sia sempre il social indicato per ogni azienda! Pensa quindi a quali sono i social che possono fare la differenza per la tua realtà. Facebook? Instagram? Entrambi? Oppure Youtube, magari Linkedin? Concentrati su quelli che si sposano con la tua identità aziendale e che possono farti raggiungere il tuo obiettivo in modo efficace.

Hai scelto il social giusto? Pensa adesso all’area geografica che vuoi ricoprire. Il tuo mercato è all’interno della provincia? Regione? Oppure al momento sei presente a livello locale ma vuoi spingerti oltre i confini regionali? Tutto questo impatterà sulla cifra giusta da investire!

Capire nel minor tempo possibile quali sono le giuste piattaforme e aree su cui investire ti consentirà di risparmiare tempo e denaro.

3. Utilizza un Business Plan!

Fare previsioni è sicuramente un punto che si rivelerà opportuno! Un Business Plan è tutto ciò di cui avete bisogno, un documento imprescindibile quando si ha intenzione di avviare un qualsiasi nuovo progetto. È infatti il punto di riferimento per la pianificazione aziendale e si rivelerà molto utile anche per gli eventuali finanziatori. Anche per definire il budget di una campagna quindi è buona cosa applicare un business plan!

Al suo interno vengono infatti inserite le proiezioni economiche relative al progetto, sulla base di accurate analisi di mercato e di prodotto.

Un business plan, se fatto bene, ti aiuterà senza ombra di dubbio a capire dove andrai a cascare a seconda di quanto investi!

4. Quantifica la giusta somma.

Eccoci arrivati al punto che sicuramente ti interesserà di più. Quanto devo investire in soldoni? 10€, 15€ al giorno? La risposta è: dipende! “ma come anche qui dipende?” dirai. Purtroppo è così.

Se hai letto con attenzione i punti sopra, avrai già capito che sono essi stessi le principali variabili che incidono sulla definizione del budget. Obiettivi prefissati, area geografica da intercettare, target di riferimento da sedurre e di conseguenza piattaforme da utilizzare richiederanno sforzi diversi. Considera infatti che già tra la scelta di un social rispetto ad un altro ci saranno delle incidenze di prezzo tutt’altro che irrilevanti.

Facciamo però un esempio pratico: se sono un ristoratore che vuole comunicare il suo nuovissimo servizio di delivery entro un raggio di 15km (raggio entro il quale viene fornito il servizio) destinerò un budget sicuramente minore rispetto al produttore di lampade che vuole commercializzare i suoi prodotti in tutta Europa. Ti torna?

Indubbiamente tutto questo richiede tempo e tecnica per effettuare un analisi accurata ed energie per starci dietro. Sicuramente il supporto di un’agenzia di comunicazione potrà esserti utile.

5. Analizza sempre i risultati. 

Una volta terminata la campagna, analizza sempre i risultati. Introduciamo qui una formula, che se hai studiato economia durante i tuoi studi ricorderai sicuramente: il ROI (Return on Investiment). Altro non è che una formula utilizzata per calcolare il ritorno sull’investimento e in altre parole è ciò che ci indica quanto si può guadagnare per ogni euro speso nella nostra campagna.

Arriviamo al dunque: come si calcola? La formula base è la seguente:


(Crescita Vendite – Investimento di Marketing ) / Investimento di Marketing

Vediamo con un veloce esempio come si applica questa formula.
Voglio incrementare i numeri di iscritti al mio corso di cucina, così realizzo una mini-campagna di comunicazione. Decido di investire 2.500€ in attività di marketing e promozione. La mini-campagna mi genera 148 nuovi iscritti, ovvero 13.320€. (13.320 – 2.500)/ 2.500 = 4.32 (x100) = 432% Cosa significa questo risultato? Significa che c’è stato un ritorno sull’investimento positivo, non solo ho recuperato i soldi dell’investimento, ma ho avuto un incremento.

Utilizzare il ROI per valutare se i risultati attesi sono stati raggiunti oppure no, ti potrà aiutare a definire non solo il budget, ma anche gli strumenti e la strategia delle campagne social successive.

Questi sono cinque step che noi riteniamo fondamentali ogniqualvolta si desidera pianificare una campagna e quindi definire il budget da investire in essa. Siamo consapevoli che l’argomento è un po’ ostico da affrontare.. tranquillo, lo è per tutti all’inizio! E tu pianificavi nel modo giusto il tuo budget da destinare a una campagna? Se ti dovessi trovare in difficoltà, sai che puoi contare sempre su di noi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts